In Continuo Movimento.

il pensiero andrà a cercare
tutte le volte che ti sentirò distante
tutte le volte che
ti vorrei parlare
per dirti ancora
che sei solo tu
la cosa
che per me è importante


Oeddì. Sarà la terza,quarta volta che cerco di aggiornare questa pagina, senza riuscirci. Ma oggi è stato memorabile ,suvvia.
La giornata inizia nel peggiore dei modi, mi sveglio col presentimento negativo (quando,deve succedere ..oh,non c’è niente da fare!). Arrivo a scuola,trovo Prozza, la vedo strana. Lei "Dopo,non ora" io "OK,dopo". Interrogazione Italiano evvai col settemmezzo ,yè ma dopo un ora vai col cinque in Discipline Geometriche: chissene, a me non m’interessa se i miei disegni sembrano quelli di uno di terza elementare,non mi abbasso a tenerti corda.
Botta: primo litigio. Prozza viene,io l’allontano. Io la cerco,anche se le parole non escono,lei scrive su un foglio (avremo scritto un’infinità di fogliettini tutte le discussioni che abbiamo avuto). Passa la prima, "Non litighiamo più". Vai alla seconda,seconda botta. Tah!
Via,la giornata salta fino a casa. E poi è venuta,è bastata uno sguardo per capire che non poteva durare. Non ora,nemmeno dopo questa mattina,no non siamo fatti per stare litigati,anche se si sono verificate incompresioni e ne accadranno ancora. Bella:io non ti mollo!
Grazie per aver riso, nel momento in cui ti ho sorriso.
Grazie per avermi abbracciato, quando nemmeno io sapevo cosa cercavo.
Grazie per avermi parlato, quando io stavo col cervello tra mille (o zero) pensieri. Ti Amo.
Sarò vigliacco, sarà scemo, sarà accomodante; io dico: gente!il mondo è bello perchè è vario. Questione di caratteri, di reazioni.
 
E infine ,passiamo ai saluti. Un saluto speciale a Fede, sorella che ormai s’è mimetizzata già a Cambridge..lei e il suo Broccolo. Un secondo grande grande và a Sarè,amica miaaa! Grazie davvero. E un terzo? Ci vuole? Un terzo a tutti quelli che leggono e pensando di esser stati esclusi dai saluti finali,i saluti "dei privilegiati" (???).Un saluto a tutti,davvero.
Passo e chiudo. ( Occhè! )
 
 
 
 
9 / 11 / 1989  –   9 / 11 / 2009
Memoriale Caduta del Muro di Berlino.
 L’obiettivo del muro? evitare che il popolo della Germania socialista
potesse scappare nel mondo normale.
Peter Fechter era un muratore berlinese,abitante nella zona est della
città, che durante il tentativo di fuga verso la parte occidentale fu
perforato dai proiettili, ma non ucciso immediatamente. L’agonia durò
circa un ora. Un ora in cui nessuno osò aiutarlo,nonostante i testimoni
ne erano centinaia. Aveva 18 anni.
Peter Fechter- ventisettesima vittima di una ricerca di una libertà  negata .
 
Intanto, passano gli anni,nonostante il ricordo di un artifizio
malvagio che divise milioni di persone tra loro. E
pensare.. il 12% della popolazione tedesca ri-vorrebbe
di nuovo un muro divisorio. Meriterebbero solo uno sputo in piena faccia.
 
 
 
 
 

~ di ioel su 9 novembre 2009.

3 Risposte to “In Continuo Movimento.”

  1. hm. Okkè.

  2. Sono Scema :(Ti Amo

  3. Io parlo lo Stefaniese. Ti capisco Pi erre o zeta.Ti Amo.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: